mal di schiena nei militari

Un alleato per il mal di schiena nei militari

Un alleato per il mal di schiena nei militari 1000 720 Move Fisioterapia

Strategie di fisioterapia per il mal di schiena nei militari: evidenze e approfondimenti

La lombalgia è uno dei motivi più comuni per cui le persone si recano da un medico. Ogni anno, solo negli Stati Uniti, la lombalgia è all’origine di oltre 12 milioni di visite presso medici di base e chirurghi della colonna vertebrale. Ma cosa significa esattamente “lombalgia”? Quali sono le cause e i sintomi? E soprattutto, come si può gestire il dolore lombare in modo efficace?

La lombalgia è un disturbo caratterizzato da dolore nella regione lombare della schiena, ovvero la parte inferiore della colonna vertebrale. Può variare da lieve a grave e può insorgere improvvisamente o svilupparsi nel tempo. La maggior parte degli episodi acuti si risolve entro due settimane senza un trattamento specifico; tuttavia, molti pazienti presentano episodi ricorrenti o lombalgie croniche che durano più di tre mesi. In questo caso è importante rivolgersi a un professionista della salute perché il trattamento può aiutare ad alleviare il disagio e a prevenire problemi futuri.

Il mal di schiena nei militari

Per i militari, la lombalgia rappresenta un problema particolarmente critico, poiché può influire sulla capacità di eseguire le attività quotidiane e di servizio. Spesso i militari sono esposti a situazioni di stress fisico e mentale, che possono aumentare il rischio di sviluppare dolori lombari. Alcune delle cause più comuni di lombalgia nei militari includono il sollevamento e il trasporto di oggetti pesanti, le marce prolungate, i traumi, il sovraccarico senza un’adeguata preparazione fisica.

Ma come si può gestire il dolore lombare nei militari?

In primo luogo, è importante capire che la lombalgia non è necessariamente causata da un problema strutturale della schiena stessa. Molti militari, infatti, pensano che il dolore sia causato da un problema fisico che accade all’interno del loro corpo. Tuttavia, la ricerca e la scienza alla base del dolore suggeriscono che c’è un problema in questa linea di pensiero: non corrisponde alla realtà dei fatti, nella stragrande maggioranza dei casi.

Esiste una scarsa correlazione tra i risultati di una scansione (MRI, TAC, RX) e le fonti di dolore. La maggior parte degli adulti senza mal di schiena avrà nella vita cambiamenti nell’anatomia della colonna vertebrale, che sono adattamenti legati all’età e che non causano problemi (sono l’equivalente a livello vertebrale delle rughe della pelle, visibili ma non una fonte di dolore). Trovare una caratteristica su una scansione della colonna vertebrale che è fortemente correlata al dolore o a una minaccia grave per la salute è eccezionalmente raro (meno dell’1%).

Cosa dice la ricerca?

La ricerca suggerisce che non esiste una correlazione affidabile tra le anomalie fisiche della colonna vertebrale (come l’ernia del disco) e i livelli di dolore fisico. Nel corso del tempo, la maggior parte delle ernie discali si risolve spontaneamente, senza alcun intervento medico. I risultati di interventi invasivi come la chirurgia della schiena non sono significativamente diversi dai risultati di approcci più conservativi e dagli effetti placebo. I nostri atteggiamenti, sentimenti e convinzioni sul mal di schiena hanno un impatto misurabile sul livello di dolore fisico che proviamo.

Il livello di dolore ha una relazione molto limitata con il danno alla colonna vertebrale e ha più a che fare con l’interpretazione inconsapevole e consapevole del livello di minaccia che il dolore rappresenta per il soggetto che lo vive. Gli influssi culturali, il lavoro, lo stress, l’esperienza passata e la durata dei sintomi hanno una relazione più forte con il dolore rispetto al numero di cambiamenti legati all’età che hai sulla tua risonanza o radiografia.

Molte persone che soffrono di mal di schiena non riescono a gestirlo bene a causa di consigli sbagliati e di molti miti non utili su cosa sia il mal di schiena e su cosa dovrebbero fare al riguardo.

Da qui si può dedurre che il trattamento della lombalgia non può limitarsi a una sola modalità di intervento, ma deve essere una combinazione di diverse terapie. È necessario prendere in considerazione l’aspetto fisico e psicologico del paziente, affinché il trattamento sia efficace e duraturo.

Questa metodologia è in linea con l’approccio alla cura del paziente che viene adottato da Move Physiotherapy. Presso il nostro studio di fisioterapia, ci impegniamo a fornire ai nostri pazienti un trattamento personalizzato che tenga in considerazione non solo gli aspetti fisici della loro patologia, ma anche quelli psicologici e comportamentali. Il nostro obiettivo è di individuare la combinazione di terapie più efficace per ciascun paziente, allo scopo di ottenere un risultato duraturo e migliorare la loro qualità di vita.

La fisioterapia per il dolore lombare

La fisioterapia è molto efficace per la gestione della lombalgia, per i militari che hanno subito traumi o lesioni durante il servizio o che soffrono di lombalgia cronica. Gli interventi fisioterapici possono essere mirati a diversi obiettivi, come la riduzione del dolore, il miglioramento della forza muscolare, della coordinazione motoria, la prevenzione delle recidive, la conoscenza del dolore, del suo funzionamento e delle possibili strategie di autogestione.

La visione tradizionale di come l’esercizio fisico aiuti a alleviare il dolore si è concentrata su come questo influisca sulle strutture che circondano la colonna vertebrale, ad esempio aumentando la forza dei muscoli della colonna vertebrale e dell’addome. Sebbene queste idee siano supportate in parte dalla ricerca, non spiegano completamente il motivo per cui l’esercizio fisico può alleviare il mal di schiena.

Esistono sempre più prove che suggeriscono che l’esercizio fisico porti a cambiamenti benefici in determinate funzioni del sistema nervoso, incluso il cervello. In sostanza, l’esercizio fisico influenza direttamente il modo in cui sperimentiamo il dolore, riducendo la sensibilità agli stimoli potenzialmente dannosi. Questo fenomeno è noto come ipoalgesia indotta dall’esercizio fisico. È importante adattare ciò che si fa alle proprie capacità attuali e aumentare gradualmente l’intensità per evitare infortuni. Inoltre, è importante fare cose che ci piacciono e che siamo più propensi a continuare – questo aiuterà a alleviare il dolore e, si spera, a prevenirne il ritorno. Rimane attivi e fare esercizio fisico sono le cose migliori che possiamo fare e vengono solitamente consigliate invece di optare per iniezioni o interventi chirurgici. Anche se il mal di schiena è persistente e dura alcune settimane o mesi, aumentare l’attività fisica e fare esercizio fisico è uno dei modi migliori per gestirlo e l’unico dimostrato per prevenirne l’insorgenza.

Il nostro studio di fisioterapia, Move Physiotherapy, è a disposizione dei pazienti con mal di schiena per aiutarli a sviluppare le migliori strategie di gestione basate sull’evidenza. Siamo consapevoli dell’importanza dell’esercizio fisico nell’affrontare il dolore e ci impegniamo a lavorare con i nostri pazienti per creare programmi di esercizi personalizzati, adattati e dosati in base alle loro capacità e alle loro esigenze.

Da Move Physiotherapy, affrontiamo il trattamento del mal di schiena con una combinazione di esercizio terapeutico, educazione, e terapia manuale. Il nostro obiettivo è fornire ai nostri pazienti un piano di trattamento completo e personalizzato che affronti le cause sottostanti del loro mal di schiena, aiutandoli contemporaneamente a migliorare la loro salute e il loro benessere globale.

La fisioterapia per la gestione del dolore lombare deve essere personalizzata, tenendo conto della storia medica del paziente, dell’entità del dolore e dei fattori che lo hanno causato. Un approccio integrale alla fisioterapia è quindi fondamentale, poiché permette di individuare la causa del dolore e di agire su di essa, invece che limitarsi a trattare i sintomi (spesso senza successo). 

La fisioterapia può aiutare i pazienti a riconoscere e a modificare i comportamenti che possono contribuire al dolore lombare, come la sedentarietà o il catastrofismo. In questo modo, i pazienti imparano a prevenire l’insorgenza di episodi di dolore lombare.

In breve, la gestione avanzata del dolore lombare richiede un approccio integrato che includa la fisioterapia come componente fondamentale. 

Se soffrite di dolore lombare, non ignoratelo o sottovalutatelo.
Rivolgetevi ai fisioterapisti di Move Physiotherapy per ottenere un trattamento personalizzato e mirato che vi aiuti ad alleviare il dolore e migliorare la qualità della vostra vita.

Contattateci per prenotare una consulenza e iniziare il vostro percorso di gestione del dolore e di miglioramento della qualità di vita.

Prendi appuntamento con Move Fisioterapia

If you prefer to read our website in English, click here.

 


Bibliografia: Airaksinen O, Brox JI, Cedraschi C, Hildebrandt J, Klaber-Moffett J, Kovacs F, Mannion AF, Reis S, Staal JB, Ursin H, Zanoli G; COST B13 Working Group on Guidelines for Chronic Low Back Pain. Chapter 4. European guidelines for the management of chronic nonspecific low back pain. Eur Spine J. 2006 Mar;15 Suppl 2(Suppl 2):S192-300. doi: 10.1007/s00586-006-1072-1. PMID: 16550448; PMCID: PMC3454542. Berg L, Hellum C, Gjertsen Ø, Neckelmann G, Johnsen LG, Storheim K, Brox JI, Eide GE, Espeland A; Norwegian Spine Study Group. Do more MRI findings imply worse disability or more intense low back pain? A cross-sectional study of candidates for lumbar disc prosthesis. Skeletal Radiol. 2013 Nov;42(11):1593-602. doi: 10.1007/s00256-013-1700-x. Epub 2013 Aug 28. PMID: 23982421. Ract I, Meadeb JM, Mercy G, Cueff F, Husson JL, Guillin R. A review of the value of MRI signs in low back pain. Diagn Interv Imaging. 2015 Mar;96(3):239-49. doi: 10.1016/j.diii.2014.02.019. Epub 2014 Mar 24. PMID: 24674892. Sihawong R, Sitthipornvorakul E, Paksaichol A, Janwantanakul P. Predictors for chronic neck and low back pain in office workers: a 1-year prospective cohort study. J Occup Health. 2016;58(1):16-24. doi: 10.1539/joh.15-0168-OA. Epub 2015 Oct 23. PMID: 26498979. Bydon M, De la Garza-Ramos R, Macki M, Baker A, Gokaslan AK, Bydon A. Lumbar fusion versus nonoperative management for treatment of discogenic low back pain: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. J Spinal Disord Tech. 2014 Jul;27(5):297-304. doi: 10.1097/BSD.0000000000000072. PMID: 24346052. Sluka, Kathleen; Frey-Law, Laura; Hoeger Bement, Marie. Exercise-induced pain and analgesia? Underlying mechanisms and clinical translation. PAIN 159():p S91-S97, September 2018. | DOI: 10.1097/j.pain.0000000000001235 Buchbinder, R., Underwood, M., Hartvigsen, J. & Maher, C. The Lancet Series call to action to reduce low value care for low back pain: an update. Pain 161, S57–S64 (2020).  Kongsted, A., Ris, I., Kjaer, P. & Hartvigsen, J. Self-management at the core of back pain care: 10 key points for clinicians. Brazilian Journal of Physical Therapy 1–11 (2021) doi:10.1016/j.bjpt.2021.05.002. Buchbinder, R. et al. Low back pain: a call for action. The Lancet 391, 2384–2388 (2018). Hartvigsen, J. et al. What low back pain is and why we need to pay attention. Lancet 391, 2356–2367 (2018) Wiles, L. K. et al. What Constitutes “Appropriate Care” for Low Back Pain?: Point-of-Care Clinical Indicators From Guideline Evidence and Experts (the STANDING Collaboration Project). Spine 47, 879–891 (2021). Hall, A. M., Aubrey-Bassler, K., Thorne, B. & Maher, C. Do not routinely offer imaging for uncomplicated low back pain. BMJ 372, n291 (2021). Campos, T. F. de & Elkins, M. R. Prevention of spinal pain. J Physiother 67, 158–159 (2021). Huang, R. et al. Exercise alone and exercise combined with education both prevent episodes of low back pain and related absenteeism: systematic review and network meta-analysis of randomised controlled trials (RCTs) aimed at preventing back pain. British Journal of Sports Medicine 54, 766–770 (2020).